Esercizio di auto potenziamento.


autopotenziamento

Chi e cosa sei se non la tua consapevolezza di esistere? E’ questo il fondamento dell’individualità. Questa potente verità è alla base di moltissime dottrine spirituali che si basano sul principio dell’io sono, io respiro, io esisto. Ogni nostra azione ed ogni pensiero richiede l’uso e l’emissione di una quantità della nostra energia personale, la quale è indirizzata verso la cosa pensata. L’esercizio sfrutta questo principio per creare un circuito chiuso in cui l’energia non è dispersa, ma ritorna sempre al punto di partenza. Senza perderci nella spiegazione della complessa teoria della fisica quantica, passiamo a dare le istruzioni pratiche in modo semplice e conciso.

Come procedere.

Tutto quello che dovrai fare è rilassarti, liberare la mente da ogni pensiero e concentrarti unicamente su te stesso. Pensati e aumenta l’intensità e la qualità del tuo pensiero verso di te. Pensare a te stesso significa concentrarsi sulla propria consapevolezza di esistere, la propria individualità, l’essenza vitale. Focalizzare l’attenzione sul battito cardiaco, il respiro o il confine del nostro spazio segnato dalla pelle, può rivelarsi un valido aiuto soprattutto all’inizio.
Proprio come il calore, il suono o la luce, l’energia del pensiero richiede del tempo e della forza per percorrere una distanza e il suo diffondersi si protrae nel tempo in modo proporzionale alla sua intensità. Pensiamo al calore che da un oggetto si trasmette su un altro e che si esaurisce gradualmente; oppure alla luce delle stelle ormai morte, ma che comunque continua ancora a viaggiare nell’universo ad anni luce di distanza o, ancora, al suono che si diffonde come riverbero e che ritorna come eco quando ormai il “colpo sul tamburo” è cessato.
Nel pensare concentrarti su te stesso. Otterrai benefici reali solo se ti penserai intensamente e costantemente, senza associare altre idee. Noterai gli effetti dopo un po’ di tempo dall’esercizio, come la sensazione di essere “presente”, accresciuto e immune dalle influenze esterne. Questo è dovuto anche al connettersi verso la fonte della propria identità, ovvero un’affermazione personale che sfocia nel mistero del “conosci te stesso”.
Quando sarai divenuto bravo e costante con questa tecnica, potrai sperimentare ad associare un’idea, o meglio una qualità, al tuo ego al fine di migliorarti e divenire chi sei o chi vuoi essere. Ad esempio, potresti pensarti in perfetta salute, associarti ad una sensazione di armonia, gioia, soddisfazione, forza. Evita idee minacciose, oscure o negative perché manifesterai queste qualità autodistruttive.

~ di Jule su 5 dicembre 2014.

3 Risposte to “Esercizio di auto potenziamento.”

  1. […] Esercizio di auto-potenziamento. […]

    Mi piace

  2. […] Esercizio di auto-potenziamento. […]

    Mi piace

  3. […] Ora che sei ritornato nel tuo corpo e ci stai bene, che sei radicato a terra ed anche centrato, passa alla fase successiva. Concentrarsi sul corpo aiuta molto a liberare la mente dal traffico dei pensieri. Adesso fa che l’unico pensiero sia te stessoa, recupera la tua consaevolezza di esistere e pensati. È un atto di affermazione vitale ed auto potenziamento; una protezione della tua individualità. Per maggiori dettagli su questo esercizio clicca qui. […]

    Mi piace

Lascia un Commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...