Rimedio antico per il mal di pancia.


image

Il diaspro fu una pietra preziosa nel mondo antico, apprezzatissima da Egizi, popoli mesopotamici, Persiani, Greci e Romani. Oltre al suo valore di gemma ornamentale, gli si attribuivano poteri curativi e magici.


Il colore del diaspro rosso riciama molto quello del sangue e degli organi, della terra e del disco solare sull’orizzonte. Per questo fu ritenuta pietra sacra, in particolare a divinitá connesse con il sangue, come Iside ed in seguito con Gesú.
Per la somiglianza con il sole, la terra e il colore dei visceri, gli astrologi dedussero che la sua energia, come questi elementi, è feconda, vitale e terapeutica (causa la pioggia e fa germogliare la terra) e che nel corpo umano ha effetto curativo per gli organi e i disturbi del plesso solare, del ventre, del sangue, del cuore, della sessualitá (fertilitá). Inoltre radica, stabilizza e nutre l’energia spirituale dell’anima (aura).

Un uso antichissimo di questa gemma è proprio quello di curare i dolori del ventre e dei suoi organi. Per questo scopo occore sciaquare un diaspro, posarlo sull’area da trattare o piú genericamente sull’ombelico. Spessissimo la sua azione è immediata ed il mal di pancia passa nell’arco di qualche minuto, mentre la pietra si scalda. Al termine del trattento occorre purificarla.

~ di Jule su 2 ottobre 2015.

5 Risposte to “Rimedio antico per il mal di pancia.”

  1. Ciao jules,dove si può trovare questa pietra?

    Mi piace

    • La trovi nei gegozietti orientali, di occulto e nei negozi che vendono i gioielli e alcune bijotterie.

      I diaspri sono economici, variano dal giallo, al rosso,al bruno, al verde, misti ecc

      Mi piace

  2. ottima notizia, proverò anche con i miei bambini. Grazie

    Mi piace

  3. Ho trovato altre informazioni sul Diaspro che mi permetto di pubblicare con il tuo permesso. Fonte http://www.cure-naturali.it

    “Nel Medioevo Hildegard von Bingen dà la seguente descrizione della formazione del diaspro nel suo trattato Physica: “Il diaspro cresce quando il sole, dopo l’ora nona, volge ormai al tramonto. Viene riscaldato dall’ardore solare, tuttavia è più d’aria che di acqua o di fuoco”. Secondo la religiosa benedettina, è un rimedio per il dolore al cuore e per i sogni turbati: per il dolore al cuore si deve mettere la pietra fredda sul petto fino a quando il calore del corpo non l’abbia riscaldata (la procedura va ripetuta sino a quando non si sta meglio); per i sogni turbati, invece, bisogna tenere la pietra accanto a sé mentre si dorme, i suoi influssi donano serenità al sonno.

    Anticamente al diaspro veniva attribuita la virtù di neutralizzare qualsiasi tipo d’incantesimo.
    Gli Indiani d’America lo usavano nei riti per far cadere la pioggia, da qui il nome di “portatore di pioggia”.
    Gli antichi egizi consideravano il diaspro sanguigno l’emblema del sangue della dea Iside ed vari tipi erano usati come amuleto in forma di scarabeo.
    Nel Medioevo era considerata la pietra dei guerrieri: a questo proposito, nella saga dei Nibelunghi si narra che nell’impugnatura della spada di Sigfrido vi fosse incastonato un diaspro.”

    ciao, buona giornata

    Mi piace

Lascia un Commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...