Perché non pronunciamo presagi di morte con i Tarocchi?


image

Questo post mi è stato ispirato dal racconto di una mia amica: si è trovata a presagire un decesso in una seduta di Tarocchi. Ciò che è successo è stata l’incredulitá della persona a cui leggeva le carte, accompagnata da un sottinteso scherno. Ma cosa è successo in seguuto? Questa morte “preannunciata” c’è stata, cosí cone ci son state frasi del tempo “caspita avevi ragione!”.

Non c’è niente di più brutto, in ambito di cartomanzia, di trovarsi nella situazione di ricevere o dare un presagio di morte. Oltre l’imbarazzo, questo può portare a diverse situazioni: la scetticitá del consultante, la fatidicitá del verdetto oppure ad un gaff del cartomante. Ma come ci si comporta in questi casi e perché?

Se sei un cartomante allora avrai sicuramente letto o sentito che esiste una regola che consiglia di non pronunciare presagi di morte. Questa che, in un primo momento sembra una scappatoia per ciarlatani e responsi non veritieri, è in realtà una regola d’oro che trova risposta nella superstione, negli insegnamenti magici e nei Tarocchi stessi. 

Incominciamo dalla parte umana di una seduta: la persona che consulta l’oracolo quasi sicuramente sta attraversando un periodo difficile o di confusione mentale. Queste persone si rivolgono alla cartomanzia sperando di ricevere un po’ di pace, chiarezza e un consiglio per uscire da una situazione negativa. Notizie di un certo tipo possono avere un impatto psicologico forte e possono destabilizzare una persona sensibile o momentaneamente fragile! Adesso passiamo al motivo esoterico.

Se passiamo in rassegna tutte le carte dei Tarocchi noteremo che non raffigurano nemmeno una scena o un soggetto morto: sono tutti in piedi e nessuno è in verticale; persino La Morte è ritratta in piedi ed in attività (quindi non è una figura morta). Nei mazzi antichi o comunque quelli più fedeli alla tradizione, notiamo che il titolo del XIII arcano, quello comunemente detto “La Morte”, in realtà non ha didascalia, al contrario del Matto che ha nome ma non ha un numero.

Questa carta è alla base della regola del gioco dei tarocchi che consiglia di evitare di pronunciare profezie di morte. Secondo le dottrine più antiche orientali, all’origine della creazione c’è il suono (logos): tutto ciò che esiste racchiude un suono sacro che ne esprime l’essenza e l’identità (bija mantra). Secondo queste regole della magia, conoscere il “nome” significa aver potere sulla cosa nominata; pronunciare le parole ritualmente e lavorare con esse equivale a creare e a far accadere qualcosa (incantesimo). L’allegoria del Trionfo XIII dei Tarocchi è molto simile a quella della dea indù Kalí, la signora della distruzione, colei che cancella i bija mantra. È per questo motivo che la lama dei tarocchi non ha un titolo: è stato falciato dalla figura dello scheletro, che se osservate meglio, in alcuni mazzi sembra falciare verso le sue stesse gambe. Se il suo nome, il bjia mantra, gli vien tolto anch’esso, in qualche modo, muore. Se vovessimo farne un mantra sarebbe un suono a labbra chiuse, una parola muta e non tra scrivibile (es. mmmh).

È su queste idee che si fondano molte superstizioni magiche, come ad esempio quella di non nominare i propri nemici o cose negative – es. le malattie. Nominarle significa dare potere, chiamare, invocare. Da qui la regola di non pronunciare questi presagi quando si lavora con i tarocchi, in quanto sarebbe come chiamare, dare potere e far accadere questi eventi tragici; il tacere aiuterebbe a vanificare le probabilità che s’avveri.

Allora, come ci si comporta?

★ Usare un modo gentile e smorzare i toni con espressioni quali “potrebbero accadere eventi brutti; ci sono energie sinistre; far attenzione a…” ecc.

★ Se possibile, sciogliere il gioco e stendere nuovamente, dopo un po’, sperando in carte migliori.

~ di Jule su 8 luglio 2016.

Lascia un Commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...